Il diritto alla mobilità e all'accessibilità dei trasporti è un principio di tutti i cittadini, sancito a livello europeo ed internazionale. La possibilità di usufruire dei mezzi di trasporto pubblici deve quindi essere garantita anche alle persone disabili.

La necessità di spostamento del disabile all'interno della città viene generalmente soddisfatta da mezzi di trasporto pubblico appositamente modificati.

Gli autobus adattati possono essere dotati di pedane estraibili, di un pianale ribassato, di un sistema di kneeling, che consente di superare il dislivello fra la carreggiata e il pianale facendo inclinare il mezzo di lato. All'interno, i bus accessibili sono attrezzati con speciali postazioni dedicate. Questi adattamenti rendono più agevole l'uso dell'autobus anche alla cosiddetta "utenza dolce", formata soprattutto dagli anziani.

Altri adeguamenti sono rappresentati da avvisatori acustici o banchine con percorsi tattili per non vedenti.

Diverse città offrono anche ai disabili il servizio di radiobus, un autobus a chiamata accessibile che preleva gli utenti e li porta lungo percorsi personalizzati.

In diversi comuni sono inoltre in vigore agevolazioni di tipo economico per l'uso dei mezzi pubblici, come tariffe ridotte per persone disabili, oltre alla possibilità di usufruire del servizio taxi gratuitamente o a tariffa ridotta.

Un esempio di servizio disponibile in una città italiana per l'accesso del disabile ai mezzi pubblici.

A Genova per le persone con diverse difficoltà motorie vi sono due servizi a disposizione:

  1. il servizio dedicato 'Mobility bus';
  2. il servizio di linea utilizzabile in autonomia (bus, metropolitana, ascensori e funicolari).

Il servizio 'Mobility bus' è il servizio organizzato in collaborazione con il Comune di Genova che mette a disposizione il personale di guida e veicoli di piccole dimensioni (i Mobility bus) dotati di sollevatore per carrozzelle e capaci di trasportare 5 passeggeri deambulanti e 2 passeggeri in carrozzella. I mezzi sono attrezzati con pedana posteriore, porta scorrevole laterale e possono accogliere 3 carrozzelle ancorate oppure 5 persone sedute + 1 carrozzella.

Per quanto riguarda il servizio di linea utilizzabile in autonomia, AMT possiede un parco mezzi di 740 veicoli di cui 563 a pianale ribassato e 58 a pianale semiribassato. Alcune fermate sono stata riqualificate per rendere più agevole l'accesso ai bus. Le cosiddette fermate 'a isola protesa', costituite da infrastrutture dedicate come l'accosto al marciapiede, la realizzazione di uno scivolo, il percorso a terra per guidare i non vedenti, l'installazione di nuove sale d'attesa con mappa informativa e nuova palina di fermata. Sono agibili anche gli ascensori e le stazioni della funicolare.

Visita la sezione del sito AMT dedicata ai servizi per i disabili

http://www.amt.genova.it/rete_e_orari/disabili.asp